La gonartrosi

L’artrosi del ginocchio o gonartrosi consiste nel consumo della cartilagine articolare del ginocchio. Si tratta di una malattia ad evoluzione degenerativa progressiva che nel corso del tempo causa una crescente sintomatologia dolorosa ed una rigidità con limitazione articolare.

L’artrosi può essere primitivaovvero senza una causa definita, o secondaria, ovvero causata da deviazioni dell’asse (ginocchio varo o valgo*), esiti di fratture, osteonecrosi, lesioni inveterate del legamento crociato anteriore, esiti di meniscectomia (asportazione di una cartilagine meniscale) eseguita con chirurgia aperta come avveniva fino agli anni ’80, pregresse infezioni articolari o altre patologie.

L’artrosi del ginocchio può essere diffusa a tutta l’articolazione, può interessare solo il compartimento femoro-tibiale mediale o laterale (artrosi monocompartimentale) o colpire esclusivamente l’articolazione femoro-rotulea (artrosi femoro-rotulea)

L’esordio tipico della gonartrosi consiste in un dolore, inizialmente accusato dopo sforzi prolungati, poi anche alla ripresa dell’attività dopo il riposo (alzarsi dal letto, alzarsi dalla sedia). La produzione in eccesso di liquido sinoviale da parte della capsula infiammata crea tumefazione. Gradualmente la frequenza del dolore può aumentare portando limitazione articolare e zoppia. La comparsa del dolore notturno, tale da risvegliare il paziente, si associa ad un’artrosi grave. Il consumo articolare e la crescita di osteofiti si associa all’aumento dei rumori in flesso-estensione, definiti scrosci articolari. Con l’aggravarsi della malattia anche l’apparato legamentoso subisce danni con l’insorgere di sensazioni di cedimento articolare o vera e propria instabilità.

La radiografia standard, in proiezione antero-posteriore e laterale del ginocchio sintomatico è sufficiente a diagnosticare la gonartrosi. I segni radiografici tipici dell’artrosi del ginocchio comprendono:

  • la diminuzione della rima articolare (causata dal consumo della cartilagine che alla radiografia è radiotrasparente, cioè risulta come uno spazio vuoto all’interno dell’articolazione).
  • la presenza di osteofiti (piccole crescite d’osso vicino all’articolazione).
  • la presenza di geodi (aree di lacuna ossea).
  • la presenza di sclerosi ossea (aree di addensamento osseo al di sotto della cartilagine consumata o sofferente).

*Varo: è detto di un segmento di un arto quando è deviato rispetto all’asse corporeo così da formare un angolo aperto medialmente.

Valgo: opposto di varo, riferito ad un deformità in un segmento di un arto che comporta una deviazione dell’asse all’esterno rispetto alla linea mediana del corpo.Ne sono esempi il piede ed il ginocchio varo o valgo.

BIBLIOGRAFIA

1. Knoop J, Steultjens MP, van der Leeden M, van der Esch M, Thorstensson CA, Roorda LD, Lems WF, Dekker J. Proprioception in knee osteoarthritis: a narrative review. Osteoarthritis Cartilage. 2011 Apr;19(4):381-8.
2. Vaquero J, Calvo JA, Chana F, Perez-Mañanes R The patellar thinning osteotomy in patellofemoral arthritis: four to 18 years’ follow-up. J Bone Joint Surg Br. 2010 Oct;92(10):1385-91.
3. Feeley BT, Gallo RA, Sherman S, Williams RJ. Management of osteoarthritis of the knee in the active patient. J Am Acad Orthop Surg. 2010 Jul;18(7):406-16.
4. Delfino G, Lanciotti E, Liguri G, Stefani M, Dizionario Enciclopedico di scienze mediche e biotecnologiche e di biotecnologie, 2° edizione. Zanichelli. 2003.

PRIVACY     –     CAREERS     –   CONTATTI    –   PARTNER    –   CERTIFICAZIONI